Movimento Metallo

Salve, bentrovato/a!

Mi presento: sono Giulia Paolini e da alcuni anni ho intrapreso gli studi di medicina alternativa per diventare Naturopata. Nello specifico mi occupo del riequilibrio energetico della persona basandomi sull’ascolto attivo, valutando l’aspetto esteriore e tutto ciò che si tende a nascondere dietro ad esso.

Oggi ti parlerò del ritmo circadiano e in particolar modo del movimento Metallo, uno dei 5 elementi della Medicina Tradizionale Cinese al quale sono associati l’organo polmone e l’intestino crasso come viscere.

Come si può notare dall’immagine sottostante (l’orologio circadiano) il movimento Metallo Yin, con il polmone manifesta il suo picco energetico tra le 3.00 e le 5.00 del mattino e il minimo tra le  15.00 e le 17.00.
Il movimento Metallo Yang, con l’intestino crasso, è al suo massimo energetico tra le 5.00 e le 7.00 e al suo minimo tra le 17.00 e le 19.00.

Questa tavola è molto utile in fase di colloquio quando vado a chiedere alla persona se riesce a dormire bene durante la notte oppure se ha dei risvegli ripetuti nel tempo sempre alla stessa ora.
Ciò denota un certo squilibrio associato ad un determinato organo o viscere.
Ed è qui che entrano in gioco tutti gli strumenti della medicina alternativa per riportare la persona ad uno stato di equilibrio energetico. Una volta individuati i sintomi si va a lavorare con trattamenti mirati (riflessologia plantare o massaggio Tuina nel mio caso) e se necessario si ricorre anche all’uso di fitocomplementifiori di Bach e altri rimedi naturali per dare sostegno alla persona.
…Ma basta tecnicismi, ora passiamo alla pratica!! 
..

.Ti chiederai adesso: “Ma perché fra tutti gli elementi ha scelto proprio il Metallo?”

Con l’arrivo dell’autunno l’energia Metallo è molto forte.

Se ci ascoltiamo, prima di arrivare all’equinozio (capita in particolare anche per quello di primavera) possiamo notare un cambio di energia.
Già verso fine agosto, dopo il ritorno dalle vacanze, hai cominciato a tirare le somme dell’estate, delle esperienze vissute. Terminata la stagione di massima espansione ed espressione, senti quasi il bisogno di cominciare a guardarti dentro, di tornare a prenderti cura di te stesso.
I polmoni e l’intestino crasso sono appunto i due organi di scambio e comunicazione interno-esterno (come anche la nostra Pelle).

La funzione principale di tali organi è quella di

  • conservare ciò che  ti serve
  •  eliminare ciò che non è utile

In chiave psichica, questa Trasformazione ci consente di:

  • interiorizzare le esperienze significative
  • lasciare andare il superfluo.

Solo in questo modo (eliminando e lasciando andare) potrai dare spazio a nuove esperienze e conoscenze, potrai proseguire il tuo percorso evolutivo.

L’elemento Metallo nell’arco dell’anno segna l’inversione delle energie che dall’espansione dello Yang estivo passano alla compressione dello Yin invernale.

Analogamente esso è posto in relazione con:

  • l’Ovest,
  • il sole al tramonto,
  • la sera,
  • l’appassimento,
  • il declino.

L’autunno è la fase di raccolta e di decelerazione delle energie.

ALCUNI CONSIGLI UTILI

Perché la struttura del Polmone sia in buona salute è necessario evitare siasecchezza sia eccessiva umidificazione o presenza di catarri e sostenendo la sua struttura sosterremo anche il suo qi ovvero la sua energia (da qui dipendono problematiche come asma, allergie o dermatiti). Dal punto di vista stagionale, in autunno nel nostro clima hai più frequentemente il problema di condensazione in catarri a causa degli alimenti assunti durante l’estate.
Di seguito ti riporto alcuni consigli pratici su come affrontare l’autunno secondo la visione olistica della Medicina Tradizionale Cinese.

  1. Un principio fondamentale sta nell’evitare l’eccesso di alimenti molto umidificanti come latticini, farine bianche e dolci tradizionali; per umidificare il Polmone e l’Intestino sarà molto più equilibrato farlo con l’uso regolare di semi oleosi e/o di miele e per sostituire le farine sarà bene usare cereali in chicco, tra i quali spiccano il miglio e i fiocchi d’avena per il loro lavoro sull’umidità.
  2. Per prevenire la secchezza invece meglio evitare l’eccesso di sapore amaro con natura termica riscaldante (il caffè e il fumo primi tra tutti) e un’alimentazione troppo riscaldante in genere (fritti, alcolici, cibi secchi, spezie abbondanti…).

Utili invece piccole quantità di sapore piccante che mobilizza i liquidi e ne previene il ristagno e la condensazione in catarri.
Esso è presente in:

  • spezie,
  • erbe aromatiche,
  • cren (detto anche Rafano di Spagna),
  • senape,
  • agliacee quali cipolla e porro,
  • crucifere (cavoli, verze…),
  • nella famiglia delle rape e nel vino.

Il sapore associato al Metallo è proprio il piccante per la sua capacità di mobilizzare i liquidi prevenendone il ristagno. Inoltre nelle prime fasi di aggressione esterna da patogeni quali Freddo o Calore – fase rappresentata da brividi – si ricorre proprio a rimedi dal sapore piccante e dall’effetto diaforetico (zenzero fresco o vin brulè per il Freddo, the alla menta per il Calore) per rigettare all’esterno gli indesiderati.

Qualora invece il patogeno sia entrato, ricorrerai alle nature termiche e alle azioni necessarie a combatterlo dall’interno (es.: nella seconda fase del raffreddamento con febbre e/o catarro giallo usa l’arancia con succo e buccia per trasformare i catarri e rinfrescare il corpo).

     3.   Per facilitare l’energia discendente del Polmone viene in nostro aiuto il sapore acido della frutta            e tutti quegli alimenti che hanno questa specifica azione di dirigere il qi verso il basso, tra questi      troviamo:

  • mandorla
  • the verde,
  • amaranto,
  • avena,
  • miglio,
  • cardamomo…

RIASSUMENDO:

 

MOVIMENTO METALLO
COLORE BIANCO
ORGANO POLMONE
VISCERE INTESTINO CRASSO
SAPORE PICCANTE
SENSO OLFATTO
STAGIONE AUTUNNO
EMOZIONE TRISTEZZA
MANIFESTAZIONE FISICA ESTERNA PELI E PELLE

Chiudo ringraziandoti per l’attenzione
Se questo argomento ti è piaciuto, ti aspetto per l’approfondimento di un altro elemento della Medicina Tradizionale Cinese che affronterò nella prossima newsletter.

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *